Puoi rubare bitcoin, ma buona fortuna per riciclarli

Wired
di Robert McMillan, 28 agosto 2013
articolo originale:
http://www.wired.co.uk/news/archive/2013-08/28/bitcoin-anonymity

Nel mese di aprile 2012, il sito web Betcoin ha perso 3171 Bitcoin, qualcuno s’è introdotto in tre diversi computer per rapinare il sito di gioco d'azzardo online. Con pochi clic del mouse, il ladro ha rubato una quantità di moneta digitale che ora ha un valore di quasi 400.000 dollari.

Ma il denaro non è esattamente svanito. Dopo la rapina, è rimasto fermo per un anno in un portafoglio Bitcoin, visibile a tutto il mondo, ma controllato solo dai criminali. Poi, quest'anno, il 15 marzo, il ladro ha iniziato a spendere. Avrebbe preso piccoli importi di bitcoin, noti come "bucce" (peels), per spostarli da un portafoglio all'altro. Alla fine, circa 375 bitcoin (circa 45.000 dollari) sono finiti nelle borse di scambio Bitcoin, come MtGox, dove potrebbero essere convertiti in dollari USA.

Chi ha rapinato Betcoin non è stato catturato, ma i bitcoin una volta rubati o passano per una borsa di scambio o sono utilizzati in qualche altra operazione, e l'applicazione della legge ha molti modi di rintracciare un colpevole. È necessario fornire un documento d'identità alle borse di scambio e gli scambi possono anche contenere informazioni quali indirizzi IP e numeri di conto bancario utili per gli investigatori.

I federali sono ancora preoccupati per i furti, e del ruolo di Bitcoin nel riciclaggio di denaro e nel commercio illecito. L'anno scorso, una valutazione di intelligence dell'FBI ha segnalato che il carattere privato della moneta digitale potrebbe rendere difficile per le forze dell'ordine rintracciare i criminali. Non è necessario alcun ID per creare un portafoglio Bitcoin, ma la rete Bitcoin è costruita in modo tale che può essere terribilmente difficile per i criminali spendere la moneta digitale rubata.

Bitcoin è un po' un paradosso. Può essere usato quasi anonimo: due persone possono facilmente creare due nuovi portafogli Bitcoin, incontrarsi in un parco, e scambiarsi Bitcoin. Ma allo stesso tempo, tutte le operazioni su Bitcoin sono pubbliche: tutte le transazioni sono condivise in un file a disposizione di tutti chiamato Blockchain che è gestito dalla rete peer-to-peer Bitcoin.

Questo libro mastro pubblico rende piuttosto difficile riciclare il denaro attraverso la rete. Almeno questo è quello che i ricercatori della University of California e George Mason University hanno scoperto studiando la rete Bitcoin attraverso lo sviluppo di sofisticati strumenti che monitorano come il denaro si muove attorno ad esso.

I ricercatori sostengono che è spesso possibile, applicando gli attuali strumenti della legge, ottenere un sacco di informazioni sulle persone che muovono bitcoin. "Il riciclaggio di denaro - trasferire ingenti quantità di Bitcoin ottenuti illecitamente - sembra molto difficile", dice Sarah Meiklejohn, dell'Università della California, San Diego, studente laureato e co-autore dello studio che sarà presentato in una conferenza tecnica nel mese di ottobre.

I federali non sembrano rendersene ancora conto. Vogliono nuovi modi per monitorare i criminali che utilizzano bitcoin. Ed è per questo che la Fondazione Bitcoin è andata a Washington il 26 agosto, per spiegare se stessa davanti a più di 50 rappresentanti di enti come il Dipartimento del Tesoro, i servizi segreti e il Federal Bureau of Investigation. La Fondazione - il gruppo che sovrintende lo sviluppo del software di base Bitcoin - vuole vedere se può trovare un accordo con le autorità governative.

Mentre su piccola scala il riciclaggio di denaro "sembra abbastanza possibile", ammette Meiklejohn, i pesci grossi - persone che potrebbero voler muovere milioni di dollari attraverso la rete - avranno problemi. Semplicemente non ci sono abbastanza posti per scambiare grandi quantità di denaro in forma anonima.
"Il denaro che si muove intorno al sistema ogni giorno non è sufficiente per nascondere grandi quantità di Bitcoin", nota Meiklejohn.

Un criminale che ha converto rapidamente un gran numero di bitcoin probabilmente, ad un certo punto, è dovuto passare attraverso una borsa di scambio Bitcoin, e le società di scambio stanno lavorando duramente per attenersi alle normative federali in materia di antiriciclaggio.

Jerry Brito, ricercatore senior presso il Centro Mercatus alla George Mason University, ritiene che i federali non sono così lontani da cogliere questo come può essere. E' stato alla riunione a Washington, presso il Dipartimento del Tesoro, e pensa che la Fondazione Bitcoin "è stata ascoltata, le persone erano molto interessate e molto sintonizzate. Hanno fatto un sacco di buone domande. Io non direi che erano ostili. "
In teoria, una forza di polizia potrebbe anche recuperare i soldi rubati a Betcoin - almeno quelli transitati attraverso borse di scambio legittime.

Ma il proprietario di Betcoin, sotto lo pseudonimo "Hippich" non è ottimista. Dice che il ladro che ha rubato da lui era sofisticato: s’è introdotto in tre macchine con tre diversi sistemi operativi. Quindi lui è al "99,99 per cento" certo che non rivedrà più i suoi bitcoin. Oggi, a sito chiuso, sta cercando di vendere il dominio e di recuperare parte del denaro perso.

Ma se chi ha derubato Betcoin tenta di utilizzare i servizi di riciclaggio di denaro on-line, può ritrovarsi vittima. Meiklejohn ed i suoi colleghi ricercatori hanno provato alcuni di questi servizi - siti con nomi come Bitcoin Laundry (Lavanderia Bitcoin) e Bitmix - e riferiscono di esperienze piuttosto grezze. Un servizio non ha funzionato, ha semplicemente restituito gli stessi bitcoin, non-lavati.

Un altro servizio ha rubato i loro soldi. Come osserva Meiklejohn, "Se qualcuno viene da voi e dice, 'ho un milione di dollari di Bitcoin, potete ripulirli per me?', Non so quale possa essere il vostro incentivo per farlo piuttosto che rubarli. "

Nessun commento:

Posta un commento